venerdì 10 aprile 2015

Alla scoperta di… Go Set a Watchman, il nuovo romanzo di Harper Lee

Se fate un salto sul sito di qualche libreria on-line americana, è già in prenotazione, anche se la data d'uscita è ancora lontana: 14 luglio. Quel giorno uscirà in tutte le librerie Usa (e con tutta probabilità la prima tiratura andrà esaurita in poche ore) Go Set a Watchman, il nuovo (e secondo) romanzo di Harper Lee, l'autrice de Il buio oltre la siepe (To Kill a Mockingbird).

Harper Lee è sempre stata considerata un'autrice da un solo romanzo, e in effetti Il buio oltre la siepe, sua opera d'esordio, diventò nel 1960 un caso letterario, bestseller in tutto il mondo, vincitore del Premio Pulitzer e trasposto in un film premio Oscar; ma a quell'opera prima non seguì mai un'opera seconda. Harper Lee non pubblicò più altro – anche se ricoprì un ruolo fondamentale nella stesura di A sangue freddo  di Truman Capote, di cui era grande amica – e lei stessa ha ripetuto in più occasioni di non avere intenzione di scrivere altri romanzi, limitandosi a saggi. Negli anni 80 si trasferì ad Alexander city in Alabama per svolgere ricerche per un romanzo intitolato The Reverend, ispirato a un fatto di cronaca, ma che poi non vide mai la luce.

È stato quindi prima con scetticismo e poi con sorpresa che il pubblico ha accolto la notizia dell'esistenza dell'opera seconda di Harper Lee. Notizia che ha cominciato a circolare nei mesi scorsi, messa in giro da un'avvocato di Harper Lee, che oggi ha 88 anni, ed è praticamente cieca e sorda a causa di un ictus che l'ha colpita nel 2007.

consulenza gratuita per autori




Nelle settimane successive si è fatta luce su questo romanzo, che non è una nuova opera ma un vecchio manoscritto, precedente a To Kill a Mockingbird; anzi, è il romanzo da cui è nata l'idea del Buio oltre la siepe.

La protagonista del romanzo è infatti sempre Scout Finch, figlia di Atticus, che però ora non è più una bambina ma una giovane donna. Sono passati vent'anni dagli eventi narrati nel Buio, che era ambientato durante la Grande Depressione, a metà degli anni Trenta, e Scout torna a Maycomb da New York per andare a trovare il padre, ormai anziano. Poco altro si sa della trama, se non che Scout "è costretta ad affrontare questioni personali e politiche mentre cerca di capire il comportamento di suo padre verso la società e i suoi stessi sentimenti sul posto dov’è nata e ha passato la sua infanzia".

Quando la Lee lo scrisse, il suo editor rimase impressionato dai ricordi d'infanzia di Scout e la spinse a scrivere un nuovo libro partendo da quelli. Nacque così Il buio oltre la siepe, e l'altro romanzo, che ne è un sequel pur essendo stato scritto prima, rimase nel cassetto finché non è stato ritrovato nei mesi scorsi da Tonja Carter, avvocato della Lee.

Il titolo è una citazione della Bibbia, da Isaia 21,6
Poiché così mi ha detto il Signore: "Va', metti una sentinella che annunzi quanto vede".

Nessun commento:

Posta un commento