martedì 10 febbraio 2015

Ebook da leggere: "Gli esploratori dell'infinito"

La nuova pubblicazione targata Landscape Books, e prima della collana Aurora, è disponibile sui principali store on-line. Curato anche questo da WAY TO ePUB come A Christmas Carol. Canto di Natale, Gli esploratori dell'infinito non è animato o interattivo ma declina in altro modo il concetto di "libri impossibili" che è la ragione di vita di Landscape Books.

Si tratta di un libro impossibile perché introvabile nei cataloghi, cartacei e non, da decenni, mai più ripubblicato dal 1933. Eppure Gli esploratori dell'infinito ha un duplice valore: letterario ma anche storico, perché è ritenuto il primo (o comunque tra i primissimi) romanzo di fantascienza italiano, e capolavoro di Yambo, al secolo Enrico Novelli, autore di libri per ragazzi di enorme fortuna nei primi decenni del XX secolo, quando per popolarità se la batteva con Emilio Salgari.

Dal punto di vista tecnico, altri due sono gli elementi di interesse del volume: il primo è che ripropone alcune delle illustrazioni, opera dello stesso Yambo, contenute nell'edizione del 1933 dell'opera, il secondo è che è stato realizzato seguendo i criteri IDPF e LIA (Libri Italiani Accessibili) per una piena accessibilità anche da parte di lettori ipovedenti o con disabilità visive, e per essere accettato anche da sistemi di lettura assistita.

Questa la sinossi:
Il primo "introvabile" della collana Aurora è anche il primo romanzo di fantascienza della letteratura italiana: scritto nel 1906 e ambientato nel 1909, è la storia di un'esplorazione spaziale su Cupido, un nuovo satellite della Terra appena scoperto.
L'eccentrico miliardario Harry Shtarr, stufo della vita terrestre, parte con il fido collaboratore Giorgio alla volta di Cupido, con l'idea di farne il suo buen retiro.
Ma le cose non vanno come previsto: prima l'incontro con un gruppo di criminali interplanetari, e poi un'esplosione che porta il satellite a uscire dall'orbita terrestre proiettano i nostri eroi in una mortale corsa verso il Sole.

Nessun commento:

Posta un commento