venerdì 28 novembre 2014

Guida alla lettura: P. D. James

È morta ieri a 94 anni P.D. James, una delle maggiori autrici viventi di gialli, oltre che tra le più prolifiche. Inserendosi nel filone del giallo classico alla Agatha Christie, Phillys Dorothy James ha saputo modernizzare il genere pur restando fedele alle sue regole ferree.

Nata a Oxford nel 1920, P.D. James fu costretta a lasciare la scuola (era nella sezione femminile di Cambridge) a sedici anni perché la famiglia non poteva permettersi di mantenerla negli studi. Sposatasi giovanissima, il marito tornò dalla Seconda Guerra Mondiale con seri problemi psichiatrici e passò il resto della sua vita in manicomio. P.D. mantenne la famiglia e le due figlie lavorando in ospedale a Londra, e nel frattempo cominciò a scrivere per hobby. Nel 1962 pubblicò Cover Her Face (Copritele il volto), il primo romanzo con protagonista Adam Dalgliesh di Scotland Yard, poliziotto con l'hobby della poesia.

Da allora P. D. James ha pubblicato quattordici romanzi con protagonista Dalgliesh, altri cinque romanzi con altri protagonisti, tre saggi e diverse raccolte di racconti. Nel 1991 è stata nominata Baronessa ed è diventato membro permanente della Camera dei Lord.

Serie con protagonista Adam Dalgliesh
È il personaggio più noto di P.D. James. Poliziotto cerebrale e con l'hobby della poesia, nel primo romanzo lo conosciamo 35enne, vedovo e ispettore capo. Nel corso dei romanzi successivi (l'ultimo è del 2008), Dalgliesh diventa prima sovrintendente e poi comandante, e nell'ultimo romanzo convola finalmente a nuove nozze. In Italia i romanzi sono tutti editi da Mondadori.
Serie con protagonista Cordelia Gray
In una delle sue "pause" dalle avventure di Dalgliesh, P.D. James crea Cordelia Gray, giovane detective privata di Londra, protagonista di due romanzi scritti a distanza di dieci anni. Anche questi sono nel catalogo Mondadori.
Altre opere
Dei tre romanzi di P.D. James senza i suoi due personaggi più famosi, due rientrano appieno nel genere giallo, ma fa anche la sua comparsa I figli degli uomini, da cui è stato tratto l'omonimo film del 2006: ambientato in un futuro apocalittico in cui la specie umana è diventata sterile, ha ricevuto unanime lodi dalla critica per il modo in cui ha affrontato le problematiche sociali e teologiche dei nostri giorni con un'opera di fantascienza. L'ultimo romanzo di James risale invece all'anno scorso, ed è un giallo classico ambientato agli inizi del 1800. Nel 2009 ha invece pubblicato un saggio sul giallo.

Nessun commento:

Posta un commento