venerdì 27 giugno 2014

Guida alla lettura: Ken Follett


In "Guida alla lettura" ci occupiamo di autori prolifici, bestselleristi che si contraddistinguono per una carriera lunga e articolata in diversi cicli e fasi. Dopo aver parlato di George R.R. Martin (qui e qui) oggi ci occupiamo di un altro grande scrittore abituato alle vette alte delle classifiche mondiali, che con oltre 150 milioni di copie vendute è a pieno diritto considerato uno dei maggiori scrittori britannici di tutti i tempi. 

Gallese di nascita e londinese di adozione, Ken Follett inizia la propria carriera come giornalista, in veste di reporter, passando poi all'editoria, quando diventa vicedirettore della casa editrice Everest Books. Sono gli anni settanta. Follett comincia a dedicarsi alla scrittura nei fine settimana e bisogna attendere il 1978 per l'uscita del suo primo romanzo, il thriller La cruna dell'ago, con cui si aggiudica l'Edgar Award. Con quest'opera, ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale, l'autore conosce il successo, vendendo 10 milioni di copie, e può dedicarsi alla scrittura a tempo pieno. Avvia, così, un primo ciclo di romanzi dedicati allo spionaggio, con ambientazioni varie (dallo spionaggio nazista in Nord Africa al conflitto arabo-israeliano di fine anni sessanta, passando per la Londra della Grande Guerra all'Afghanistan invaso dai sovietici) che comprende le cinque pubblicazioni successive all'esordio:


consulenza gratuita per autori


La seconda fase della carriera di Ken Follett si aprì con un netto cambiamento rispetto alle prove precedenti. Tra gli anni ottanta e i primi anni novanta, infatti, lo scrittore britannico abbandona il giallo e si cimenta nella produzione di romanzi storici e di suspense, partendo con I pilastri della terra (1989) che racconta la costruzione di una cattedrale medievale nel XII secolo ed è da molti considerato il capolavoro di Follett, con 14 milioni di copie vendute. Diciotto anni dopo è stato pubblicato il seguito del romanzo, Mondo senza fine (2007), ambientato a duecento anni di distanza dal prequel. Entrambi i capitoli sono stati portati sul piccolo schermo da Ridley Scott. Appartengono a questo filone anche i romanzi:


Alla fine degli anni novanta c'è un nuovo cambio di genere nella sua produzione. Abbandonata l'ambientazione storica, lo scrittore decide di concentrarsi sul presente, dedicando particolare attenzione alle tecnologie in Il terzo gemello (1996) e Il martello dell'Eden (1998), che trattano rispettivamente il tema della clonazione e del terremoto come arma di terrore. Follett, però, non si vieta di tornare alla maniera precedente, riprendendo in mano i romanzi di spionaggio con Codice a zero (2000), ambientato durante la corsa allo spazio tra Usa e Urss, e le storie della Seconda Guerra Mondiale, con Le gazze ladre (2001) e Il volo del calabrone (2002). Il primo racconta la storia dei partigiani francesi, disposti a tutto pur di spodestare gli invasori tedeschi. Tra di loro spicca la spia inglese Flick Cairet, soprannominata la "Pantera". Lo scrittore decide poi di tornare ai giorni nostri con la storia dei terroristi di Nel bianco (2004), che si impossessano di un pericolosa variante del virus Ebola da un laboratorio che sembrava inespugnabile.

Ma, essendoci sempre occasione per dare inizio a nuovi cicli narrativi, ecco che nel 2010 Follett avvia la Trilogia del Secolo (The Century Trilogy), composta da tre romanzi in cui si affrontano le principali vicende nel Novecento. Promossa attraverso un lancio mondiale, questa trilogia si concentra sulle storie di cinque famiglie: gli americani Dewar, i tedeschi von Ulrich, i russi Peskov, gli inglesi Fitzherbert e i gallesi Williams.

  • La caduta dei giganti (2010): il romanzo inizia nel 1911, con l'incoronazione di Giorgio V d'Inghilterra, e termina nel 1924.
  • L'inverno del mondo (2012): in questo secondo capitolo si affrontano l'ascesa del nazismo di Hitler, la guerra civile spagnola, la Seconda Guerra Mondiale e le prime fasi della Guerra Fredda.
  • I giorni dell'eternità (in uscita a settembre 2014): ambientato tra anni sessanta e anni ottanta, in piena Guerra Fredda, il terzo capitolo della trilogia narra i principali eventi storici di quell'intenso ventennio, dall'assassinio di Kennedy e Martin Luther King alla guerra del Vietnam, fino al crollo del muro di Berlino.






Nessun commento:

Posta un commento