martedì 4 marzo 2014

Libri: le copertine più belle dei primi mesi del 2014




È un po' di tempo che non parliamo di copertine, una delle nostre passioni. Rimediamo subito con una rapida carrellata delle più belle cover di questo primo spicchio di 2014. E, tanto per cambiare, le copertine più belle vengono tutte da oltreoceano.

Cerchiamo di scegliere un esempio per ogni categoria di cover. In questo caso abbiamo un mix di testo e grafica. Pochi disegni stilizzati a richiamare il cigno del titolo, e tutto il resto è lasciato al colore di sfondo e alle font utilizzate per titolo e nome dell'autore, assieme alla forma degli spazi in cui è inserito il testo, che richiama la figura di un cigno e dà bene l'idea di un romanzo ambientato nell'alta società alla fine dell'800. Designer: Alex Merto.


In questo caso il testo è minimale, e l'effetto complessivo della copertina (anzi, in questo caso della sovaccoperta) è dato dalle onde stilizzate che richiamano il mare. Il design è di Peter Mendelsund, un vero fuoriclasse nel suo campo.

consulenza gratuita per autori



Al contrario, nella cover di "Mount Terminus" troviamo una predominanza dell'aspetto visivo, con la giustapposizione di tre fotografie che rappresentano lo stesso panorama del deserto della California, in cui è ambientato il romanzo, ripreso in tre momenti diversi che ben illustrano lo scorrere del tempo e l'avanzare dell'uomo, uno dei temi principali dell'opera. Cover di Rodrigo Corral.

Chi l'ha detto che lo spazio bianco è da evitare? Ridurre al minimo la presenza grafica in una cover può attirare l'attenzione più di mille artifici. È il caso della cover di "Never Love a Gambler", in cui oltre al titolo e al nome dell'autore ci sono solo due dadi da gioco stilizzati, senza neanche il contorno. Il designer è Rodrigo Corral con Rachel Adam Rogers.

Nessun commento:

Posta un commento