mercoledì 5 febbraio 2014

Libri in uscita in Italia: 6-12 febbraio



Marco Pastonesi, Pantani era un dio 
Nel decennale della scomparsa del Pirata, Marco Pastonesi ripercorre la vita e la carriera di Marco Pantani: vincitore di una trentina di corse in dodici anni, risultato modesto se comparato a quelli di Coppi o Cipollini. Eppure, a passare alla storia, oltre all'atleta, è il Pantani uomo, e in quanto tale comune e debole, come tutti.
Un libro a più voci, quello creato da Pastonesi, che attraverso testimonianze e interviste a chi il Pirata lo conosceva davvero, ci fa rivivere la storia di un mito.
66thand2nd, 245 pp., 16 €. In uscita il 6 febbraio.

Amity Gaige, Il sogno di Schroeder
In fuga dalla Germania dell'Est, Erik si ritrova a soli cinque anni catapultato con la sua famiglia nel New England. Pochi anni dopo, decide che il suo più grande sogno è quello di essere americano a tutti gli effetti: cambia il suo cognome in Kennedy, e si convince a tagliare i ponti con il passato, famiglia compresa, per affacciarsi al grande sogno americano. Conduce così un'intera vita fondata sulla menzogna, anche dopo il matrimonio, anche dopo la nascita della figlia Meadow. Finché un giorno, il suo castello di carte comincerà a sgretolarsi.
Einaudi, 288 pp., 19,50 €. In uscita l'11 febbraio.

consulenza gratuita per autori

Evelyn Vaugh, La prova di Gilbert Pinfold
Come suggerisce il titolo, questo romanzo di Evelyn Vaugh che Bompiani riporta dopo anni in libreria narra la storia di Gilbert Pinfold, uno scrittore solitario tormentato da depressione e insonnia, che tenta di curare con bromuro, cloralio e crème de menthe. Per sfuggire all'apatia, Pinfold decide di imbarcarsi su una nave diretta a Ceylon, senza sapere che a bordo lo aspetta la follia. Inizia a sentire suoni e rumori, proprio sopra alla sua cabina, finché tra il fracasso sconnesso non distingue una voce. Molte voci, anzi, che stanno parlando proprio con lui.
Bompiani, 150 pp., 11 €. In uscita il 12 febbraio.

Domenico De Masi, Mappa Mundi
Ci troviamo in un momento storico in cui il lavoro non si trova, e in cui la creazione di nuovi prodotti e di nuove occupazioni si è spostata all'estero, proprio in quei Paesi che sembrano gli unici a fare a traino all'economia.
Si può parlare di declino dell'Occidente? E se sì, che fine farà in tutto questo la cultura europea? E noi, a quale stile di vita dovremo adattarci?
Queste e molte altre le domande a cui tenta di rispondere Domenico De Masi con Mappa Mundi, offrendoci un percorso ragionato tra i valori e disvalori di questo e altri mondi possibili.
Rizzoli, 250 pp., 21 €. In uscita il 12 febbraio.

Nessun commento:

Posta un commento