giovedì 21 novembre 2013

Consigli di… scrittori: Roddy Doyle


Nuovo appuntamento con la rubrica che dà voce ai grandi scrittori contemporanei e non solo, e ai loro consigli di scrittura. Oggi tocca a Roddy Doyle, autore irlandese pubblicato in Italia da Guanda e noto per i suoi romanzi e racconti dedicati alla terra d'origine, tra cui Due sulla strada e Paddy Clarke ah ah ah! Qualche tempo fa, ha spiegato al Guardian quali sono le sue dieci regole di scrittura: eccole.

1) Do not place a photograph of your ­favourite author on your desk. Niente foto-santino del vostro autore preferito sulla scrivania. Soprattutto, aggiunge Doyle, se è uno di quelli famosi che poi si sono suicidati…

2) Do be kind to yourself. Questo è uno dei punti più dibattuti nei consigli di scrittura: meglio sforzarsi di scrivere una prima stesura il più possibile perfetta o tirare via? Finora prevale la seconda: Doyle consiglia di riempire più pagine possibili, anche con doppie spaziature, e di guardare a ogni pagina finita come a un piccolo trionfo.

3) Until you get to Page 50. Corollario alla precedente: una volta arrivati a pagina 50, bisogna smettere di andare avanti come un treno e fermarsi, per cominciare a preoccuparsi della qualità. Bisogna sentire l'ansia, dice Doyle.

4) Do give the work a name as quickly as possible. Own it, and see it. Il titolo è importante, perché da lì possono partire idee e sviluppi che ci aiuteranno a portare avanti l'opera. Doyle ricorda che Dickens sapeva che Casa desolata si sarebbe chiamato così da prima di cominciare a scriverlo. Il resto deve essere stato facile.

5) Do restrict your browsing to a few websites a day. Su questo gli scrittori sono tutti d'accordo, niente (o quasi) internet quando si scrive. Doyle consente qualche eccezione per fare ricerche, ma niente siti di scommesse!


consulenza gratuita per autori


6) Do keep a thesaurus, but in the shed at the back of the garden or behind the fridge. Va bene tenere un dizionario dei sinonimi, dice Doyle, ma non a portata di mano, perché probabilmente la prima parola che vi viene in mente andrà bene (esempio classico, quello dei verba dicendi: "disse" è quasi sempre la scelta migliore).

7) Do, occasionally, give in to temptation. Lava il pavimento della cucina, stendi i panni. Fa parte delle ricerche.

8) Do change your mind. Le buone idee vengono uccise solo dalle idee migliori, quindi cambiare idea va bene.

9) Do not search amazon for the book you haven't written yet. Difficilmente aiuterà la vostra autostima.

10) Do spend a few minutes a day working on the cover biog. Se cercare il libro non ancora scritto è un male, cominciare a scrivere la propria biografia da mettere in copertina può essere utile. Ma solo pochi minuti al giorno, poi di corsa al lavoro!

Nessun commento:

Posta un commento