martedì 15 ottobre 2013

In & Out: gli incipit



Oggi gli In e Out ci portano in un campo minato, quello degli incipit. Non a caso abbiamo scelto tutti esempi che amiamo alla follia, perché crediamo che categorizzare un incipit sia di per sé un'operazione pericolosa e da prendere con le pinze. Ma del resto come sempre si fa per parlare, e questo è ciò di cui vorremmo discorrere oggi con voi. 


"Nel mezzo del cammin di nostra vita" Out. In altre parole, una storia vera, la tua. Il che non vuol dire che non possiate raccontarla, la vostra storia vera, ma abbiate la cautela di capire che non sarà questo, il fatto che sia vostra, e vera, a renderla speciale. Almeno non agli occhi del lettore. Scavate, e vedrete che qualcosa di meglio verrà fuori.

"Lontano, nei dimenticati spazi non segnati nelle carte geografiche" In. Ossia, prendiamola alla lontana, come una variante del ramo del lago di Como. Questo è contro tutte le scuole di scrittura/marketing secondo cui bisogna prendere il lettore tutto e subito; be', noi siamo convinti che un bravo scrittore possa e debba farsi distinguere anche dalla pazienza e dalla calma con cui ci parla.
consulenza gratuita per autori


"Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione" Out. Prologhi, epiloghi, flashback e macchine del tempo. Prendere qualcosa che accadrà, o è accaduto in passato, e farne il motivo principale per cui questo romanzo dovrebbe essere letto: semplicemente, non è corretto; a meno che ovviamente i motivi veri per proseguire non siano altri. Con tutti gli omaggi a uno degli incipit migliori della storia della letteratura.

"Qualcosa di terribile stava per accadere, lo si sentiva nell'aria" In. Era una notte buia e tempestosa. Ebbene, secondo noi potete ancora usarla, purché siate in grado di creare un'atmosfera realmente rispondente al mood della vostra storia. Sarebbe inutile usarla solo – la notte buia e tempestosa – per spaventare un po' il lettore, ma se invece il paesaggio è davvero riflesso di qualcosa che sta per accadere, perché no?

P.s. Un non-premio a chi riconosce tutti gli incipit citati. E no, cercare su Internet non vale.

Nessun commento:

Posta un commento