venerdì 5 aprile 2013

Alla scoperta di… Antonio Lobo Antunes



È da poco uscito in libreria Arcipelago dell'insonnia, pubblicato da Feltrinelli, e questa settimana scopriamo il suo autore, lo psichiatra portoghese Antonio Lobo Antunes.

Nato nel 1942 a Lisbona, Lobo Antunes è considerato il maggiore scrittore portoghese vivente dopo la morte di José Saramago. Figlio di un grande neurologo, già dall'infanzia decide di diventare scrittore, ma il padre lo fa iscrivere alla facoltà Medicina, da cui uscirà con la specializzazione in psichiatria.

Non smette mai di coltivare la passione per la scrittura, ma la sua vita cambia nel 1970 quando viene mandato in Angola a combattere la guerra coloniale portoghese. L'esperienza in Angola segnerà profondamente la sua esistenza e influenzerà i suoi lavori, nei quali la "sporca" guerra coloniale ricoprirà sempre un ruolo di primo piano, paragonabile a quello che il Vietnam ha avuto nei lavori di generazioni di autori americani.

consulenza gratuita per autori




Lobo Antunes, che è stato anche candidato al Nobel, è stato accostato a numerosi classici: Faulkner, McCarthy, Garcia Marquez, ma anche Proust, Virginia Woolf, Nabokov e Celine. Paragoni quantomai poliedrici che però riescono a cogliere solo alcune sfaccettature di questo autore: Antunes ha qualcosa di tutti questi classici messi assieme, ma è anche un autore senza eguali. E soprattutto i suoi sono romanzi nel senso più pieno del tempo (non di rado romanzi-fiume), saghe dense di personaggi e avvenimenti.

Temi fissi dei suoi romanzi sono la guerra coloniale e le conseguenze sulle persone, tipicamente i suoi protagonisti sono personaggi maschili la cui vita è stata spezzata dall'esperienza di guerra (come accadde allo stesso Antunes, le cui prime due figlie nacquero mentre lui era in Angola, e al ritorno divorziò dalla moglie), e lo stile si trasforma spesso in un flusso di coscienza a più voci, in cui passato e presente si uniscono. In questo, l'esperienza (proseguita anche a livello professionale) come psichiatra incide molto sui personaggi.

Antunes è spesso ignorato al di fuori dei confini portoghesi, forse proprio perché le sue opere sono strettamente legate alla storia del suo paese: le sue opere più famose e rappresentative sono Memoria de elefante (non disponibile in Italia), In culo al mondo, L'ordine naturale delle cose e Spiegazione degli uccelli.

Da noi, molte delle opere di Antunes sono inedite o introvabili, mentre altre sono divise tra Einaudi e Feltrinelli. Quest'ultima, dopo aver pubblicato L'ordine naturale delle cose nel 2001, da qualche anno sta ripubblicando i principali scritti di Antunes, anche quelli precedentemente editi da Einaudi, oltre agli inediti come Arcipelago dell'Insonnia, uscito in Portogallo nel 2008. Qui l'elenco delle opere di Antunes disponibili in italiano.

1 commento:

  1. mai letto niente di simile.
    Non troverò mai nessuno che m'esalti come Lobo Antunes.
    Sono rassegnata.

    RispondiElimina