martedì 26 marzo 2013

Le copertine più belle: "Everything is Illuminated"



Torniamo quest'oggi con la nostra rubrica aperiodica sulle copertine più belle. Anche stavolta le siamo andate a pescare negli Stati Uniti. Siamo nel 2002 e la casa editrice Houghton Mifflin pubblica l'opera prima del giovane Jonathan Safran Foer, "Everything is Illuminated": per la copertina, la scelta cade su una grafica interamente composta di lettering.


consulenza gratuita per autori

Chi l'ha detto che per fare una bella copertina serve un'immagine indimenticabile? Lo studio di design Gray318 utilizza caratteri bianchi su fondo nero, con un font irregolare e immaginifico e lettere che riempiono gli spazi e si allargano sulla pagina come in un continuo movimento. Nella copertina, e con lo stesso font, c'è anche spazio per una citazione di Joyce Carol Oates che fa da "strillo". E, in questa composizione, non stona neppure il codice a barre piazzato in maniera sfrontata in una posizione decisamente insolita.

Lo stesso tipo di composizione verrà usata dallo stesso editore e dallo stesso studio grafico tre anni dopo per il secondo romanzo di Safran Foer, "Extremely Loud and Incredibly Close", anche se il risultato, pur apprezzabile, non è all'altezza del primo.



Nessun commento:

Posta un commento